Lifestyle

Bambini: come evitare le gelosie tra fratelli

Gelosie tra fratelli

La gelosia tra fratelli è uno degli inevitabili problemi che devono affrontare i genitori che hanno più di un figlio. La buona notizia è che se affronterete questa problematica in modo corretto, i vostri bambini saranno amici, oltre che fratelli, e la vostra vita sarà incredibilmente più semplice e serena. Il modo in cui gestirete il problema della gelosia tra fratelli può determinare se vi saranno delle conseguenze positive o negative a lungo termine. Una rivalità fuori controllo potrebbe infatti rovinare i futuri rapporti della vostra famiglia, quindi il compito di noi genitori sarà senza dubbio quello di portare armonia tra i nostri figli, e fare in modo che siano amici, e non rivali.

Ma come fare a raggiungere questo obiettivo? In questo articolo potrete trovare qualche consiglio utile ed efficace per migliorare la vita della vostra famiglia. Scopriamo insieme di quali si tratta.

Come combattere il problema della gelosia tra i bambini

  • Il problema della rivalità e della gelosia tra fratelli deve essere affrontato ancor prima che il nuovo fratellino venga al mondo. Come? Semplice. Fate in modo che il vostro bambino faccia amicizia con il bebè in arrivo ancor prima della sua nascita. Fategli vedere le immagini del bambino che cresce nella pancia della mamma. Fategli accarezzare il pancione. Invitatelo a “sentire” i calci che lancia il suo fratellino o la sua sorellina, e lasciate parlare il piccolo con la vostra pancia. In questo modo comincerà già a formarsi uno splendido legame fraterno basato sull’affetto.
  • Amici e parenti dovrebbero sapere che, quando vengono a farvi gli auguri per la nascita del nuovo fratellino, dovranno dare importanza anche al bimbo più grande. Sarebbe quindi meglio che portassero un piccolo pensierino anche per lui. Dovranno inoltre prestargli attenzioni e non ignorarlo dedicando invece tutta l’attenzione al nuovo arrivato. Se così non fosse, mamma e papà dovranno far sentire particolarmente importante il fratellino maggiore, magari dandogli il compito di scartare i regali, elogiandolo e rendendolo partecipe.
  • Spesso i fratelli maggiori non amano condividere ciò che è loro con il nuovo fratellino. E non stiamo parlando solo di giocattoli e oggetti. I fratelli maggiori devono condividere ciò che è per loro più importante, ovvero l’amore della loro mamma. Per evitare gelosie, ritagliate una parte della giornata da dedicare esclusivamente al bambino, in modo che non si senta mai messo da parte.
  • Ridurre al minimo il confronto. E’ normale che un figlio sia più bravo in una disciplina e che l’altro abbia altri talenti. Far notare che un figlio è più talentuoso rispetto all’altro è la base da cui nascono i sentimenti di inferiorità, che porteranno poi allo sviluppo della rivalità tra fratelli. Lodate il bambino per i risultati ottenuti in relazione a se stesso, senza fare confronti con l’altro fratello. Ogni bambino vuole sapere di essere speciale agli occhi dei suoi genitori.

E per concludere …

 

Non fate di tutto una malattia. Che i bambini possano avere un piccolo bisticcio per un giocattolo è più che normale. Non vi stiamo consigliando di lasciarli litigare, ma evitare di pensare che si tratti di una cosa gravissima. Concentratevi piuttosto sui problemi più seri, come quelli che si presentano quando uno dei due fratelli vittimizza sistematicamente l’altro, oppure si sente sempre messo da parte. In sintesi … Be positive! Cercare di avere un atteggiamento positivo è la chiave per una vita più felice e serena. Non fatevi prendere da ansia e demoralizzazione, ma cercate di ricordare che con un po’ di semplice gestione da parte vostra, i problemi tra fratelli spariranno facilmente.

Se possibile, iniziate la maggior parte delle giornate con un “tempo speciale” da dedicare al bambino più grande. Dedicare anche solo 15 minuti al proprio bambino, può evitare che possa provare sentimenti di rabbia nei confronti del nuovo arrivato. Offrite infine al bambino un compito nell’organizzazione familiare. Così facendo il piccolo non si sentirà messo trascurato, ma saprà di avere un ruolo importante nella sua famiglia, anche e soprattutto adesso che è arrivato il nuovo fratellino.

 

Foto da Pixabay

 

 

mammaeasy

Ciao sono Alessandra, ho 35 anni ed ho lavorato per 14 anni in profumeria. Ho conosciuto mio marito Mirko ben 19 anni fa; dopo “soli” 11 anni di fidanzamento, nel 2010 ci siamo sposati, e da questo Amore così longevo sono nati due splendidi bimbi: Allegra e Filippo ; inutile dire che sono tutto per noi, la nostra ragione di vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *