Lifestyle

Bambini: ecco perché non si deve esagerare con le attività extrascolastiche

Bambini

Far svolgere molte attività extra-scolastiche ai nostri bambini potrebbe non essere la scelta migliore per il loro e il nostro benessere. A suggerirlo è un nuovo studio recentemente pubblicato sulla rivista “Sport, Education and Society”. Secondo lo studio, sovraccaricare il bambino con un numero eccessivo di attività extracurricolari potrebbe infatti fare più male che bene. Questa abitudine potrebbe persino influenzare negativamente lo sviluppo e il benessere psicologico dei bambini.

Lo studio condotto dai membri della Edge Hill University ha rilevato che la maggior parte dei bambini (l’88% per l’esattezza) prende regolarmente parte ad attività organizzate ed extrascolastiche almeno quattro/cinque giorni alla settimana. Il 58% dei bambini arrivava a svolgere anche più di un’attività in una serata.

Attività extrascolastiche per i bambini: perché non bisogna esagerare

A conti fatti, pare proprio che il coinvolgimento extrascolastico sia una costante dominante nella vita familiare. Questo avviene soprattutto nelle famiglie che hanno più di un figlio. Di conseguenza, queste famiglie tenderebbero a trascorrere meno tempo di qualità insieme. Come se tutto ciò non bastasse, le attività extrascolastiche tendono anche a risucchiare soldi ed energie dei genitori. E dire che noi genitori spingiamo i figli a partecipare a tali attività, per migliorare la loro vita!

La nostra ricerca evidenzia che la realtà può essere leggermente diversa. Mentre i bambini potrebbero sperimentare alcuni benefici, un programma di attività organizzate e impegnate può mettere a dura prova le risorse dei genitori e le relazioni familiari,

spiegano infatti gli autori dello studio

oltre a nuocere potenzialmente allo sviluppo e al benessere dei bambini. Finché non si raggiunge un equilibrio salutare, le attività extrascolastiche continueranno a prevalere sul tempo dedicato alla famiglia, creando potenzialmente più danni che benefici.

Sappiamo bene che in genere siamo proprio noi mamme e papà ad avviare i figli alla partecipazione ad attività organizzate. Secondo quanto emerso dallo studio sarebbe però molto meglio ridurre il numero di attività svolte dalle piccole pesti di casa.

 

via | TheHealthSite

Foto da Pixabay

mammaeasy

Ciao sono Alessandra, ho 35 anni ed ho lavorato per 14 anni in profumeria. Ho conosciuto mio marito Mirko ben 19 anni fa; dopo “soli” 11 anni di fidanzamento, nel 2010 ci siamo sposati, e da questo Amore così longevo sono nati due splendidi bimbi: Allegra e Filippo ; inutile dire che sono tutto per noi, la nostra ragione di vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *